Home / SAID IN ... / SAID IN ... GALLERY / Janus la Cour, pittore del silenzio

Janus la Cour, pittore del silenzio

Janus Andreas Bartholin la Cour (Tim- Ringkøbing 5 settembre 1837 – Langballegård 13 ottobre 1909) è un pittore danese ricordato per i suoi paesaggi dipinti nello stile classico della scuola di Eckersberg. Janus la Cour è conosciuto come stilhedens maler, letteralmente il pittore del silenzio.

Nato a Tim, vicino a Ringkøbing, trascorse gran parte della sua infanzia nell’area di Aarhus, frequentando l’Aarhus Latinskole, la scuola superiore locale, dove fu introdotto alla pittura da Emmerik Høegh-Guldberg e dal suo apprendista Christen Købke. Nel 1853 si trasferì a Copenhagen dove fu allievo privato di Wilhelm Marstrand e, dal 1856, di Peter Christian Thamsen Skovgaard (noto come P.C. Skovgaard), particolarmente importante per il suo sviluppo artistico e che divenne suo amico personale. Dal 1861 al 1884 la Cour abitò con la famiglia Skovgaard a Copenhagen. Frequentò Det Kongelige Danske Kunstakademi, l’Accademia Reale di Belle Arti dal 1857 al 1864.

Janus la Cour, suo ritratto fotografico

Durante diversi viaggi in Italia, dipinse paesaggi del Lago di Nemi e di Tivoli. In Danimarca dipinse scene provenienti dal Jutland orientale, in particolare nell’area di Aarhus e Silkeborg, spesso in condizioni di pioggia o tempesta. Dal 1884 si trasferì a vivere a Mariendal vicino ad Aarhus e nel 1888 si stabilì per il resto della sua vita a Langballegård. Si allontanò così da Copenaghen, dove le tendenze più moderne della pittura en plein air stavano rompendo le tradizioni accademiche della scuola neoclassica fin ad allora imperante di Christoffer Wilhelm Eckersberg.

Molti dei dipinti della Cour sono nella collezione di Statens Museum for Kunst.

La Cour ha ottenuto la Medaglia di Thorvaldsen nel 1871. È stato decorato con l’Ordine del Dannebrog nel 1892.

 

Print Friendly, PDF & Email

About Nea Anthologia

Un esercito di cavalieri, dicono alcuni, altri di fanti, altri di navi, sia sulla terra nera la cosa più bella: io dico, ciò che si ama. È facile far comprendere questo ad ognuno. Colei che in bellezza fu superiore a tutti i mortali, Elena, abbandonò il marito pur valoroso, e andò per mare a Troia; e non si ricordò della figlia né dei cari genitori; ma Cipride la travolse innamorata

Check Also

Intervista a Giovanni Falcone (da Babele del 12 gennaio 1992)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *