Home / SAID IN ... / L’erbavoglio di gennaio: l’ ortica, una pianta difficile da maneggiare

L’erbavoglio di gennaio: l’ ortica, una pianta difficile da maneggiare

 

di Laura di Renzo e Francesca Dragotto
 width=

 

Quell’ortica punge…Risultati immagini per ortica tavola botanica

E, ancora, essere seduto sull’ortica o trasformarsi in ortica sono solo alcune delle tante locuzioni costruite intorno a questa pianta erbacea perenne, difficile da maneggiare, originaria dell’ Asia occidentale e dell’Africa e oggi presente in tutte le regioni temperate del mondo.

L’ortica (Urtica dioica L. e/o Urtica urens L., fam. Urticaceae, nella terminologia scientifica), irritante al tatto, per via dell’istamina (1%) e dell’acetilcolina (0,2%-1%) che contengono i suoi peli, al punto di aver fatto da base al participio aggettivale urticante (la cui iniziale si spiega per via della derivazione dalla base latina e non da quella italiana del termine, peraltro attestato: orticante), suscita, in chi abbia avuto modo di conoscerla direttamente o persino attraverso le narrazioni, una diffidenza profonda e l’infondata convinzione di decisa incompatibilità con l’uso in cucina. Smentita, invece, da numerose ricette, che la vedono impiegata come ingrediente per risotti, zuppe, pesti, polpette e frittate.

Popolare per i suoi effetti, i preparati a base della sua radice erano utilizzati come diuretici o astringenti e per i gargarismi.

Dalle radici e dai rizomi essiccati, da miscele degli stessi o dalle loro preparazioni a dose attiva si ricava la “droga vegetale” di ortica, che contiene a-sitosterolo, daucosterolo e relativi glucosidi, scopoletina, steroli, tannini, fenilpropani con proprietà antiossidanti. Le foglie di ortica, grazie alla presenza di polifenoli, tra cui l’acido caffeico, lignani e discrete quantità di flavonoidi, possiedono un’azione antiinfiammatoria che si realizza con l’inibizione della sintesi di leucotrieni ad opera dell’enzima 5-lipossigenasi e l’inibizione della produzione di prostaglandine infiammatorie attraverso la via della ciclossigenasi.

Caratteristica, questa, che fa dell’ortica un’alleata naturale contro le patologie benigne della prostata e non solo nella medicina popolare. Svariati studi in vitro comprovano, infatti, che un estratto alcolico di ortica radice ricco di lignani è in grado di inibire la capacità di legame della SHBG (Sex Hormone Binding Globulin) ai recettori sul tessuto prostatico, con una attività anti infiammatoria e antitumorale. Azione incentivata dalla frazione polisaccaridica, a sua volta antinfiammatoria e immunomodulante.

Risultati immagini per amore ortiche

La pianta, inoltre, è fonte di vitamine – come la pro-Vitamina A, e le vitamine C, D, E, K, B1, B2, B6 –, di acido pantotenico e di sali minerali quali potassio, calcio, silicio e magnesio, grazie alla ricchezza dei quali svolge un’azione rimineralizzante, antiemorragica e utile al mantenimento di una buona risposta immunomodulante.

Per il contenuto di ferro e di acido folico l’ortica è poi consigliata in casi di anemia e come antiemorragico, grazie alla capacità vasocostrittrice, che fa ridurre i vasi sanguigni e rallenta il flusso del sangue.

Depurativa e diuretica, utile in caso di ritenzione idrica e per favorire l’eliminazione di scorie e di renella, è in grado di ridurre i livelli ematici di acido urico, responsabile dell’insorgenza della gotta.Risultati immagini per ortica estratto

Fanno però da contraltare a tante qualità benefiche alcune controindicazioni ed effetti avversi: pur essendo gli estratti di norma ben tollerati, dell’ortica si riportano effetti collaterali gastrointestinali minori e transitori, quali diarrea, dolore gastrico e nausea e rari casi di reazioni allergiche cutanee. A causa dei suoi effetti sul metabolismo degli androgeni e degli estrogeni è controindicata in gravidanza, in allattamento e nei bambini al di sotto dei 12 anni.

Con queste limitazioni e con la consapevolezza delle accortezze necessarie per maneggiarla, è bene distinguere la rosa dall’ortica, ovverosia il vantaggio dal danno ed evitare di buttare o di gettare alle ortiche una pianta così radicata nella tradizione da aver fornito materiale per connotare le più disparate situazioni: dal rodimento (in Dante, per esempio) alla pena, dall’imbarazzo alla sofferenza sentimentale, che si può esprimere nei termini di ortica d’amore o dolce ortica. Ortica è anche la risposta sprezzante o quella malevola e astiosa, mentre coronare di ortica può essere usato a indicare che qualcuno è pazzo e trasformarsi in ortica il volgere in male di una situazione (cfr. GDLI).

Assente nel lessico erotico italiano, dove invece innumerevoli piante o loro parti trovano spazio come forme eufemistiche per gli organi genitali o, opportunamente rese verbi, per gli atti sessuali, potrebbe invece aver dato origine al cognome Ortica e alla sua variante Ortichi, il primo sparso nel centro e nel Nord, il secondo, raro, in Toscana (cfr. E. Caffarelli – C. Marcato, I cognomi d’Italia. Dizionario storico ed etimologico, UTET, Torino, 2008).

Risultati immagini per barker nettleL’erbavoglio nel piatto: risotto all’ortica

Ingredienti per 4 porzioni

Riso Arborio 300 g, vino bianco 50 ml, 300 g foglia di ortica, cipolla 80 g, uno spicchio di aglio, olio extravergine di oliva 40 g, sale.

 

Preparazione

Fare imbiondire con l’olio la cipolla. Aggiungere il riso, mescolate e poi vaporizzare con il vino bianco. Aggiungere l’acqua, sale q.b e cuocere per circa 20 minuti aggiungendo di tanto in tanto altro liquido. A cottura ultimata, aggiungere le foglie di ortica saltate in padella con olio e aglio. Amalgamare il tutto e servire.

 

Tempo di preparazione

45 minuti

Risultati immagini per risotto alle ortiche

Contenuto in energia e nutrienti della pietanza per porzione

kcal 1390.6

Indice di Adeguatezza Mediterranea (MAI): 38.73

Alimento Grammi Calorie (Kcal) Calorie %
Riso brillato crudo 300 996 71.624
Olio di oliva extra vergine 40 359.6 25.859
Vino da pasto bianco 50 35 2.517

 

Per altre informazioni

MAI e poi MAI…

Print Friendly, PDF & Email

About fdragotto

Check Also

Giacinto purpureo, fiore evocato da Saffo come simbolo della persona della donna

Saffo, Il fiore calpestato

οἴαν τὰν ὐάκινθον ἐν ὤρεσι ποίμενες ἄνδρες πόσσι καταστείβοισι, χάμαι δέ τε πόρφυρον ἄνθος … …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *