Home / RUBRICHE / LA PERLA DEL MARCHESE / Riflessioni di vero Libertino, ossia di Me medesimo

Riflessioni di vero Libertino, ossia di Me medesimo

Presunto ritratto di Giacomo Casanova, attribuito a Francesco Narici, e in passato ad Anton Raphael Mengs o al suo allievo Giovanni Battista Casanova (fratello di Giacomo Casanova)
Presunto ritratto di Giacomo Casanova, attribuito a Francesco Narici, e in passato ad Anton Raphael Mengs o al suo allievo Giovanni Battista Casanova (fratello di Giacomo Casanova)

Riflessioni di vero Libertino, ossia di Me medesimo, cogitante sul suo armonico trivio di afflati, secondo i rispettivi domini che governano, Fede a parte, l’uomo nel suo concreto di vita terrena

Il mio pensiero è poligamia
il mio amare è monogamia
il mio essere è solitudine.

La mia mente è poligama
Il mio cuore è monogamo
La mia vita è, per destino suo, solitaria.

(Marchese di Isili, Nobillimo di Stirpe e d’Animo)

 

Avatar
Marchesissimamente Io, Marchese di Isili, Nobillimo di Stirpe
Print Friendly, PDF & Email

About Marchese di Isili

Avatar

Check Also

Intervista a Giovanni Falcone (da Babele del 12 gennaio 1992)

Così nel terzo capitolo dal titolo Contiguità nel libro “Cose di Cosa Nostra” Giovanni Falcone scriveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *