Home / RUBRICHE / Said & Self in … Balcone – Seconda Puntata –

Said & Self in … Balcone – Seconda Puntata –

foto

 

 

Rieccoci finalmente al lavoro, per completare il nostro balcone. Nella puntata di oggi, come anticipato, vedremo come scegliere e creare  le decorazioni e le illuminazioni che andranno a completare la nostra opera “said & self”.

Nel caso vi foste persi la  prima puntata, niente paura! Potete trovarla qui https://www.saidinitaly.it/said-self-balcone-puntata/

 

 

 

 

In questa puntata ci serviranno:

PER IL PORTACANDELAfig1

  • un barattolo dei pelati (meglio se quelli grandi usati dai panettieri);
  • colori acrilici;
  • fogli di ferltro verdi e bianchi;
  • candele;
  • bordino di stoffa autoincollante.

PER IL VASO PENSILE

  • una bottiglia di vetro (meglio se quelle da grappa che non hanno il fondo piatto);
  • filo di canapa;
  • sassolini;
  • fiori finti o veri.

PER IL CENTROTAVOLA

  • vaschetta di legno alimentare (vengono usate ad esempio per alcuni formaggi, ma anche i piatti di legno andranno bene);
  • bastoncini;
  • uccellino finto;
  • candele.

 

Adesso iniziamo costruendo un bel portacadele, per dare la giusta atmosfera al nostro balcone.

Prendiamo un barattolo di latta e dipingiamolo esternamente con i colori acrilici. Se vi ricordate, nella precedente puntata abbiamo parlato dell’importanza di scegliere i colori che guideranno la nostra creazione. Avendo scelto l’azzurro e il fucsia, il nostro barattolo dovrà essere colorato utilizzando solo questi.

Mentre l’acrilico asciuga, ritagliamo le decorazioni del nostro portacandele. Nel nostro caso abbiamo scelto un fiore, quindi sarà necessario ritagliare due foglie dal feltro verde e i fiori dal feltro bianco.

Successivamente, incollate il tutto sulla superficie del barattolo, utilizzando una colla a presa rapida, ed applicate il bordino adesivo in cima.

fig2                                     Image-1Per realizzare il nostro vaso pensile dobbiamo prendere una bottiglia di vetro, utilizzata per produrre la grappa. Se ne trovano facilmente nei mercatini delle pulci. In alternativa, andrà benissimo una bottiglia da vino.

Successivamente, creiamo una sorta di imbragatura, utilizzando il filo di canapa. Un facile metodo è quello di legare insieme quattro fili con un nodo, poi legare ogni singolo filo ad un anello di filo che posizionerete nel collo della bottiglia.

Una volta terminata questa parte, create il gancio sempre con il filo di canapa, che vi permetterà di appendere alla ringhiera il vostro vaso pensile.

Posizionate all’interno della bottiglia alcuni sassolini che avranno una duplice funzione, stabilizzeranno la bottiglia in caso di vento e la decoreranno. Inserite i fiori freschi o finti all’interno del vaso pensile.

fig3   Image-1(1)

Il nostro tavolino da esterno verrà arricchito con un centro tavola, all’insegna del riuso! molto spesso per i formaggi artigianali vengono utilizzate delle vaschette di legno, proprio queste fungeranno da base per la nostra realizzazione.

Ora immaginiamo la nostra composizione di sassolini e bastoncini che dovremmo andare a posizionare all’interno della vaschetta. Questo ci  eviterà, in caso di errori, di dover staccare la cera che utilizzeremo per attaccare gli elementi.

Accendete una candela ed aspettate che la cera si sciolga, successivamente fatene colare qualche goccia nella vaschetta ed incollate alcuni sassolini. Ripetete la stessa operazione ed incollate i bastoncini e l’uccellino.

Posizionate all’interno della vaschetta due candele con base larga, in questo caso le sceglieremo azzurre.

fig4

Image-1(2)

A questo punto, il nostro balcone è trasformato a tutti gli effetti in un nuovissimo luogo, nel quale vivere la bella stagione.

Per aggiungere ulteriormente luce, si possono utilizzare delle lampade di carta di riso, come vedete nella figura all’inizio dell’articolo, oppure delle lucette solari da posizionare nei vasi delle vostre piante.

Alla prossima creazione Said & Self!

Sakura

 

 

Print Friendly, PDF & Email

About Sakura

Avatar

Check Also

Intervista a Giovanni Falcone (da Babele del 12 gennaio 1992)

Così nel terzo capitolo dal titolo Contiguità nel libro “Cose di Cosa Nostra” Giovanni Falcone scriveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *