Said & Self: Souvenir ritrovato… Fermaporta creato!

Benvenuti alla nuova puntata di Said & Self!

Se anche voi avete ricevuto una saponetta come souvenir, questo è il vostro momento per dargli nuova vita ed evitare che resti per anni dentro un cassetto.

Soprattutto nelle case d’epoca, le porte purtroppo non funzionano come dovrebbero. Può succedere che non restino aperte oppure che non si riesca proprio a tenerle chiuse.

Creiamo il nostro fermaporta, utilizzando pochi oggetti di recupero e seguendo alcuni semplici passi.

COSA CI OCCORRE:

  • Scatola di metallo contenente una saponetta;
  • Feltrini;
  • Corda di canapa;
  • Perla di legno.

FASE 1

 

fig1

 

Per prima cosa prendere la scatola di metallo ed incollare 4 feltrini al di sotto di essa, in modo che non graffi il pavimento, nel caso in cui dovesse scivolare.

FASE 2

fig2

 

Tagliare un pezzo di corda di canapa, sufficientemente lunga in modo che possa essere legata sul davanti della scatola, creando una sorta di imbragatura.

FASE 3

fig3

 

Inserire una perla di legno, grande almeno 3  centimetri, nella parte finale della corda. La perla servirà infatti per tirare il ferma porta dall’esterno della stanza e mantenere la porta vintage chiusa.

Il fermaporta avrà una duplice funzione:

  • mantenere la porta aperta (in questo caso il cordino andrà posto sotto la porta e la scatolina del sapone, verrà posizionata sul davanti della porta);
  • mantenere la porta chiusa (in questo caso la scatolina del sapone verrà posizionata all’interno della stanza, il cordino passerà sotto la porta e tramite la perla di legno, si potrà agevolmente tirare il fermaporta dall’esterno).

Consiglio: invece della perla di legno, è possibile utilizzare un sasso preso al mare con la forma che più vi piace oppure una conchiglia. Ricordate sempre, nel caso di questi oggetti, di apporre un feltrino al di sotto, in modo da preservare il pavimento.

Alla prossima puntata di Said & Self e … Buona estate!

Sakura

Print Friendly, PDF & Email

About Sakura

Avatar

Check Also

Intervista a Giovanni Falcone (da Babele del 12 gennaio 1992)

Così nel terzo capitolo dal titolo Contiguità nel libro “Cose di Cosa Nostra” Giovanni Falcone scriveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *