Home / RUBRICHE / Test senza ricetta in farmacia nella Giornata mondiale della lotta all’HIV

Test senza ricetta in farmacia nella Giornata mondiale della lotta all’HIV

Il primo Dicembre è la Giornata Mondiale di lotta all’ HIV, e quest’anno in Italia è accompagnato da una buona notizia. Da oggi infatti sarà possibile acquistare in farmacia l’autotest rapido. Si tratta di un dispositivo medico distribuito da Mylan che permette una diagnosi accurata, attendibile fino al 90%, grazie all’analisi di una goccia di sangue prelevata dal polpastrello. Una procedura insomma simile a quella del test per la glicemia nei diabetici. Il risultato è visibile in 15 minuti, il costo è di 20 euro e non c’è bisogno di presentare ricetta medica, a patto di essere maggiorenni. Perchè sia attendibile, tuttavia, bisogna che siano passati almeno 90 giorni dalla presunta data del contagio, di modo da essere sicuri di aver superato il cosiddetto “intervallo finestra”, ossia il periodo in cui il virus è presente nell’organismo ma non identificabile dai test diagnostici.
Risultati immagini per test hiv mylan
L‘OMS ha raccomandato l’uso dell’autotest

“come modo innovativo per raggiungere più persone con HIV e contribuire a realizzare l’obiettivo mondiale, lanciato nel 2014, di rendere consapevole del loro stato il 90% di tutte le persone con HIV entro il 2020”

in un supplemento sulle linee guida divulgato proprio in questi giorni.
Secondo i dati raccolti proprio dall’OMS, infatti, alla fine dello scorso anno su 37 milioni di persone infettate dal virus, e quindi in grado di trasmetterlo, circa il 40% ignora il proprio status. In Europa la percentuale scende, ma si stima comunque che una persona ogni 7 sia inconsapevole del proprio stato. In Italia si stimano da 6.500 a 18.000 persone con Hiv non diagnosticato. Le cause sono molteplici, dai tabù ancora gravanti su questa malattia, che spesso inducono chi si ritiene a rischio a non ricorrere comunque alle possibilità di diagnosi offerte presso le strutture sanitarie, alla scarsa informazione in proposito. Già nell’articolo dell’anno scorso avevamo sottolineato come un’informazione corretta fatta fin dalla giovine età, possibilmente nelle scuole, potrebbe ridurre i contagi e creare un ambiente meno stigmatizzante nei confronti dei malati.
Nella conferenza stampa promossa dalla Fondazione Onlus The Bridge, in collaborazione con NPS Italia Onlus e Mylan S.p.a. che si è tenuta oggi alla Camera dei Deputati è stata annunciata una mozione bipartisan, promossa dal Sen. Andrea Mandelli (FI) e dall’On. Eleonora Cimbro(PD) per mantenere alta l’attenzione, dare piena attuazione al Piano nazionale Aids, per far rientrare le tematiche dell’Aids nei programmi di educazione sanitaria nelle scuole e per assicurare l’acceso alle nuove terapie in tutte le Regioni.

Risultati immagini per world aids day

 

Print Friendly, PDF & Email

About Hipazia Pratt

Check Also

Investimenti in istruzione, l’Italia è tra gli ultimi paesi in Europa

Italia terzultima in Europa per spesa in istruzione. La Germania spende il doppio Riprendiamo un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *